ECONOMIA CIRCOLARE | La formazione per banche e imprese
20172
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-20172,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.9,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

LA FORMAZIONE SULLA ECONOMIA CIRCOLARE PER LE BANCHE E LE IMPRESE

L’economia circolare è una rivoluzione per l’economia, la società e l’ambiente.Ma chi finanzierà la transizione se le banche non sono ancora pronte?

Banche e imprese devono essere pronte a cogliere le opportunità del vantaggio circolare. Per non perdere la più grande opportunità di business della storia occorrono nuove competenze e nuovi strumenti per il business. Il nostro ruolo è formarli.

Economia circolare significa
“recuperare e riciclare”.

Sbagliato! Può sembrare paradossale ma “recupero e riciclo” sono retaggio di una visione “ambientalista” dei consumi, dove il consumatore, appunto, viene invitato a limitare i danni e a ridurre i consumi, facendo sacrifici e rimediando grazie al “recupere e riciclo”. La verità è che spesso il problema è la progettazione scadente, non il consumo o il business che sta dietro. Il pensiero moderno dietro economia circolare è quello di lasciare una impronta ampia e positiva piuttosto che un’impronta ridotta. Quindi, “recupero e riciclo” sono fondamentali ma non sono tutto per l’economia circolare.

Economia circolare significa
“essere green”.

Sbagliato! Se c’è un vantaggio difficile da cogliere è quello “circolare”. Non basta crederci o essere “green”. Le imprese sono chiamate a ribaltare il proprio modo di fare business. L’Italia è fatta da milioni di “produttori” con scarsa competenza imprenditoriale. Bravissimi ma carenti nel business. L’economia circolare ha bisogno di imprenditori di nuova generazione, digitalizzati, attenti agli affari, alle persone e certamente anche all’ambiente; bravi col mercato, non solo a fare prodotti. Quindi, per sviluppare vantaggio circolare occorrono competenze spinte e nuovi approcci al business oltre che semplice passione per il “green”.

PERCHÉ UN PERCORSO SULL’ECONOMIA CIRCOLARE

Le piccole imprese rischiano di farsi sfuggire di mano l’occasione a beneficio delle grandi imprese globali – come sta accadendo per la sharing economy. Per questo abbiamo pensato a un programma di formazione manageriale progettato per le piccole e medie imprese e per le loro banche. Un percorso didattico completo capace di integrare tutte le conoscenze base necessarie a ideare, modellare, lanciare e far funzionare nel tempo e oltre i confini un business circolare.

I NOSTRI PER-CORSI DI FORMAZIONE

sull’economia circolare per banche e imprese.

CircularCamp promuove la transizione alla economia circolare attraverso attività di informazione e formazione specifica rivolta ai soggetti attori del capitalismo: imprese, famiglie, banche, pubbliche amministrazioni e non-profit.

Abbiamo individuato dodici competenze chiave necessarie per generare e sostenere la transizione alla economia circolare. Dodici materie base o specialistiche necessarie per comprendere e mettere in pratica i principi della economia circolare.

IMPARARE A CREARE BUSINESS CIRCOLARE, A PROVA DI FUTURO!

PER-CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER IMPRESE E PROFESSIONISTI

Un vero e proprio programma di preparazione avanzato negli ambiti critici del management per la creazione e la conduzione del business circolare. Una serie coordinata di competenze chiave in un unico percorso pratico, chiaro e operativo, pensato per chi lavora o vuole contribuire allo sviluppo dell’economia circolare.

GUARDA IL PROGRAMMA

ONE DAY SEMINAR: CONOSCERE E CAPIRE L’ECONOMIA CIRCOLARE.

SEMINARIO BREVE PER ACQUISIRE LE CONOSCENZE DI BASE NECESSARIE

Una giornata dedicata alla economia circolare: cosa è, come funziona e come iniziare a muovere i primi passi. Una guida esperta accompagnerà i partecipanti nella comprensione dei modelli di business e nelle criticità dell’attuazione. Le differenze con l’economia lineare e come impostare una  crescita sganciata dalle risorse.

GUARDA IL PROGRAMMA
NEXT 25 LUGLIO - ISCRIVITI

IL NUOVO MARKETING PER L’ECONOMIA CIRCOLARE

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER IMPRESE E PROFESSIONISTI

Il marketing disciplina lo scambio di valore tra soggetti di un sistema economico. L’economia circolare rompendo gli schemi della generazione del valore, ha bisogno di un “nuovo marketing”. Nuove strategie e nuove tattiche per rispondere ai limiti concettuali e operativi del marketing degli ultimi sessanta anni.

GUARDA IL PROGRAMMA

TRAINING THE BANKERS: ECONOMIA CIRCOLARE E BANCA

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER BANCHE E OPERATORI FINANZIARI

Questo seminario è pensato per amministratori di imprese bancarie commerciali nazionali o banche di credito cooperativo. Una giornata necessaria per i manager delle varie aree di riferimento. Un momento utile anche per il personale di contatto delle banche con funzioni commerciali, di assistenza e di consulenza.

GUARDA IL PROGRAMMA
12

moduli didattici

150

aziende coinvolte

10

Tecnici esperti

DOMANDE E RISPOSTE PER CONOSCERE L’ECONOMIA CIRCOLARE

SAI COS’È L’ECONOMIA CIRCOLARE?

COSA È ESATTAMENTE L'ECONOMIA CIRCOLARE?

L’economia circolare è un modo di gestire la creazione di valore per le imprese, per le persone e per l’ambiente. Rompe i ponti con le logiche di business tradizionali caratterizzate da:

approvvigionamento, produzione, utilizzo, scarto. L’economia circolare è in linea con le esigenze di sostenibilità.

CHE IMPATTO HA L'ECONOMIA CIRCOLARE?

Ha un impatto rivoluzionario che deriva dall’adozione di pratiche di recupero, riuso, riciclo, condivisione e collaborazione. è in grado di sostituire le materie prime lungo le diverse fasi della catena del valore a partire dal design per arrivare ai processi di recupero e di logistica inversa.

QUALI SONO LE DIFFERENZE TRA ECONOMIA LINEARE ED ECONOMIA CIRCOLARE?

ECONOMIA LINEARE

Si prende, si produce e si butta. Dalla culla alla tomba. Prevede risorse abbondanti in natura.

ECONOMIA CIRCOLARE

La crescita è sganciata dalle risorse. Dalla culla alla culla. Dà vita a catene di valore a zero sprechi.

PERCHÈ NON SE NE PUÒ PIÙ FARE A MENO?

è inevitabile! perché a partire dai prossimi dieci anni: molte materie prime sono in esaurimento: da 7 a 70 anni gli output prodotti generano masse di rifiuti già insostenibili la domanda crescerà di 2 miliardi e mezzo di consumatori.

Non è ad oggi possibile per l’economia attuale sostenere uno sviluppo a queste condizioni. Le piccole e medie imprese e i territori devono correre ai ripari e cambiare subito modello.

PERCHÈ È INTERESSANTE?

Perché a differenza dei modelli di sostenibilità precedenti, l’economia circolare non demonizza il consumo e non chiede sacrifici ai consumatori. Anzi! Il problema è la progettazione scadente – dei prodotti e dei business – non il consumo o l’attività d’impresa. L’idea è quella di fare impresa, e consumare migliorando il mondo. Costruire e creare benessere mentre si vive e si produce.

IL RISCHIO PER LE IMPRESE?

Le opportunità per le imprese sono molte. Altrettanti i rischi non cogliendo al volo l’occasione.

Per le piccole e medie imprese italiane è difficile perché:

  • si scambia l’economia circolare col “green”. Sono cose diverse;
  • si scambia l’economia circolare con riciclo e riuso, è altro;
  • richiede lunghi cicli di ricerca e sviluppo e molti capitali;
  • prevede una forte cooperazione a monte e a valle;
  • richiede nuovi modelli di business e nuova mentalità.
PERCHÉ SOSTENERE QUESTO PROGETTO?

Questo progetto nasce dalla conoscenza degli autori del sistema produttivo, del sistema bancario, del non-profit e della pubblica amministrazione.  Il per-corso è stato pensato per le piccole e medie imprese ma – in definitiva – è a totale vantaggio di:

  • Banche di comunità
  • Associazioni di categoria
  • Enti pubblici e privati
  • Fornitori di utilities
  • Imprese innovative

Sostenere il progetto significa diventare un punto di riferimento per i partecipanti e per il  territorio su un tema centrale come l’economia circolare. Significa diventare un referente accreditato e concreto per servizi, investimenti, forniture, innovazione, gestione e collaborazione in logica di rete.

PERCHÉ QUESTO PER-CORSO

Perché la formazione è fondamentale per cogliere le opportunità del “vantaggio circolare”. Leggi, finanziamenti, investimenti a favore dell’economia circolare andranno sicuramente e a vuoto se le imprese non aggiornano i propri paradigmi e sviluppano conoscenze di nuova generazione sul business, sulla gestione del capitale umano e sull’ambiente. Questo per-corso è un’occasione concreta e a bassissimo costo per contribuire a stimolare una nuova generazione di business circolari sul territorio.

LA SEDE

siamo a Firenze

a Firenze
via Gino Capponi 26

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Facebook
Instagram